Le sue immagini riflettono come uno specchio i tratti onirici e sfumati di quello che siamo abituati a chiamare mondo oggettivo. Dove risiede il sogno e dove il concreto?

Si occupa di fotografia sperimentale e creativa. Ha all’attivo numerose esposizioni in Italia e all’estero ed in particolare a Losanna, Barcellona e New York.

Carlo Di Giacomo è uno dei fondatori nonché presidente dell’Associazione Culturale Starthing, associzione che ha sin dall’inizio supportato il Granaio di Santa Prassede. Tra gli obbiettivi di Starthing: promuovere la conoscenza delle arti visive, della quale la fotografia è parte e la scoperta del territorio e delle tradizioni enogastronomiche. Carlo di Giacomo, inoltre, è fondatore e socio della Galleria Micro a via Vanvitelli, Testaccio, Roma. Il Micro, Galleria d’Arte Fotografica si occupa di promuovere iniziative sulla fotografia e non solo, includendo tutte le arti visive.

Ha partecipato alla mostra “Le Ragioni dello Sguardo e il Fotografo Fotografato” al Granaio di Santa Prassede, esponendo le sue foto Buildings NY, Tree, Venezia e Roma. Al termine della mostra ha concesso le sue fotografie al Granaio Resort per la camera d’autore 101.

“Uso il mezzo fotografico per dare materia al mio pensiero e alla mia immaginazione. Cerco di rendere visibile, attraverso la fotografia, tutto quello che osservo, che mi emoziona e mi da determinate sensazioni,utilizzando la luce, il linguaggio, la sensibilità personale e le emozioni di cui tutti disponiamo e alle quali spesso non diamo spazio. Penso che gli artisti abbiano, la responsabilità e l’obbligo morale di guardare oltre e di dare in qualche modo speranza, facendo sognare lo spettatore, attraverso la ricchezza e la bellezza delle opere, soprattutto in tempi di crisi, e non soltanto attraverso la denuncia sociale, della quale si fa già un notevole uso…

Carlo Di Giacomo